itinerario 3

L’EREDITÀ AQUILEIESE A GORIZIA.

Spiritualità e genio artistico tra le chiese della città.

 

Dopo la fine del Patriarcato di Aquileia, la città di Gorizia è diventata nel 1751 sede dell’Arcidiocesi, custodendo da quel momento la parte più consistente del meraviglioso tesoro di Aquileia. La cultura e la raffinatezza del clero goriziano, adoperatosi sin da subito per rinvigorire la vita ecclesiale urbana, hanno plasmato parte del volto della città. Avremo la rara opportunità di entrare nel Palazzo Arcivescovile, eretto nel XVI secolo dalla famiglia Cobenzl, dove si trovano importanti dipinti di Tominz, e di visitare l’annessa cappella dell’Esaltazione della Croce. Entreremo poi nella Chiesa di San Carlo, contigua all’antica sede del Seminario Teologico Centrale, che ospita tuttora la biblioteca. Conclusione d’obbligo al Duomo, dedicato ai Santi Ilario e Taziano, la cui stratificata architettura testimonia l’evoluzione nel gusto estetico-cultuale.

PUNTO DI RITROVO:

Piazza della Vittoria

(area prospicente il Palazzo del Cinema)

piazza della Vittoria, 34170 Gorizia

.: coord. 45.945586, 13.625420 :.

Iscriviti alla nostra newsletter


Progetto co-finanziato dal PAC – Programma esterno parallelo;

Arteventi Udine P.Iva: 02042820304; Powered By Libramente; WebMaster:matteo@libramente.eu